domenica 16 dicembre 2012

A Pitta ccu passuli


Questa è la regina dei dolci natalizi, non c'è casa in cui non si prepari in enormi quantità, dato che spesso sostituisce il classico panettone come dono per amici e familiari.
Non è semplice la sua preparazione e richiede una buona manualità col mattarello, ma con un pò di impegno non è impossibile realizzarla, se ci sono riuscita io penso ci possa riuscire chiunque!
Anche questo dolce è la prima volta che lo preparo, non sarei riuscita a fare le foto a casa dei miei e non poteva certo mancare  alla mia raccolta così mi sono messa all'opera! 
In alcune zone della Calabria viene chiamata Pitta 'nchiusa o Pitta 'mpigliata, ma il procedimento e gli ingredienti fondamentali sono sempre gli stessi.


Ingredienti per 1 Pitta:

  • 200 g di farina di grano duro
  • 30 g di zucchero
  • 50 g di latte bollito e freddo
  • 3 g di lievito per dolci
  • 1 tuorlo (uova medie)
  • 25 g di olio evo
  • 25 g di brandy (o rum)
  • 1 pizzico di cannella, chiodi di garofano e mandarino macinati
  • 1 pizzico di sale
  • 100 g di noci sminuzzate
  • 100 g di mandorle pelate e tostate sminuzzate
  • 100 g di uvetta ammollata in un pò di brandy
  • miele millefiori
  • spago




Sciogliere il lievito nel latte freddo.
Fare una fontana con al centro il brandy, il latte, l'olio, lo zucchero, il tuorlo e gli aromi. Levare un cucchiaio di farina e tenerlo da parte


impastare bene, se dovesse servire aggiungere la farina tenuta da parte, a me non è servita


pesare una palletta da 100 g (l'altra era 220) e stendere sottilmente la palla più piccola


aiutandosi con un piatto piano ritagliare a cerchio


tenerlo da parte 


stendere sottilmente la palla più grande


spennellarla con un filo d'olio, condirla con  un cucchiaio di zucchero e un pizzico d'aromi.
Strizzare bene l'uvetta ed unirla alle noci e mandorle, con questo composto formare il ripieno adagiandolo sulla sfoglia


e richiuderla


tagliare la striscia con una rondella dentata



e creare delle girelle


non resta che tagliarle


ed alzarle


riprendere il cerchio messo da parte, spennellarlo d'olio, aggiungere un pò di zucchero e gli aromi


e disporvi le rose


legarla con lo spago ed infornarla a 180° per 1 ora


quando è ancora tiepida distribuire in ogni rosa un cucchiaio di miele caldo (e a piacere un pò di zucchero).
Consumare il giorno dopo


La sezione.
Con questa ricetta partecipo alla mia raccolta I dolci natalizi della tradizione




20 commenti:

  1. Mammamia deve essere una bontà! :D Mi stai facendo scoprire mille delizieeeee :D Sei bravissima! :D Presto posterò una ricettina per te ;) Un bacione e complimenti, buona domenica :)

    RispondiElimina
  2. Deve essere buonissima, veramente. Un misto di sapori festosi e delicati, finissimi e avvolgenti! Complimenti di cuore!! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avrei saputo trovare parole migliori!

      Elimina
  3. Anche questa somiglia tantissimo ad un altro dolce tipico della mia zona..le sgogliate..deliziosissime :)

    RispondiElimina
  4. Chissà che bontà!!! Complimenti:-) un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Mi sorprendi sempre con le tue preparazioni...Un bacio

    RispondiElimina
  6. Che bel dolce, sembra ricco e gustoso, grazie!!!

    RispondiElimina
  7. Un'altro bellissimo dolcetto!!
    Grazie mille per tutte queste belle ricette!!
    Un bacione e buon inizio settimana
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Carmen per tutte le cose carine che mi scrivi, per me è un piacere condividerle!

      Elimina
  8. Noooooo ma guarda che bella e buona! le ricette tipiche dei propri paesi di nascita sono troppo belle! Brava!

    RispondiElimina
  9. bello conoscere le tradizioni di ogni paese!! grazie!!

    RispondiElimina
  10. Che dolce !!! Il lavoro per farlo non mi spaventa ma e' tirare la sfoglia così sottile che bisogna essere bravi e tu lo sei parecchio!!!!
    Il ripieno e' favoloso:)
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi usare la sfogliatrice! Io è da tanto che uso il matterello! Un bacio

      Elimina