mercoledì 12 dicembre 2012

Crispeddr




Questo è un altro dolce natalizio tipico del cosentino, non si prepara solo a Dicembre ma durante tutto l'anno in occasione di matrimoni o nascite.
La sua realizzazione è molto semplice, l'unica difficoltà è la stesura della pasta, ma se si usa la sfogliatrice ogni problema è presto risolto!
Ho notato che assomigliano molto alle cartellate pugliesi, sebbene queste siano solo spolverizzate di zucchero a velo e non condite col miele o il vino cotto. 


Ingredienti:
vedi questa ricetta


Stendere la sfoglia sottilissima, tagliarla a strisce


inumidirne i bordi con un goccio d'acqua e pizzicarla


arrotolarla su se stessa continuando a pizzicarla 


friggere in olio di arachide a 170°, scolarle su carta assorbente e da fredde spolverizzarle con zucchero a velo


Piatto Ceramica Tapinassi, carta da regalo STAR
con questa ricetta partecipo alla mia raccolta I dolci natalizi della tradizione


20 commenti:

  1. Sono molto simili a quelle che a Lecce chiamiamo cartellate...buonissime!!!

    RispondiElimina
  2. Deliziosi... io li conoscevo come carteddate, si vede che ogni regione ha il suo nome ;) Squisiti comunque! :D Complimenti e un bacione, buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, in Puglia, in Campania le chiamano Cartellate, in Calabria solo in qualche paesino in provincia di Cosenza, un bacio

      Elimina
  3. Buoneeeeeeeeee!!! le cartellate pugliesi le conosco, mia suocera pugliese le fà spesso a Natale! Bravissima sei! chissà che golose sono anche queste!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra un pò dovrò cercare volontari disponibili a mangiarli tutti questi dolci, è stata una pessima idea questa raccolta, anche se le mie dosi sono molto ridotte ne avanzano sempre tanti!!!

      Elimina
  4. Ma sai che anche da me in Puglia si preparano ? Noi le chiamiamo "Cartellate" poi si completano con miele o vin cotto..sono favolose :)
    Bacio grande !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, lo so infatti penso che ci sia stata qualche dominazione in comune dato che le preparano solo in determinate zone, un bacio!

      Elimina
  5. Troppo delicati questi dolcetti,anche in Sicilia abbiamo una preparazione con lo stesso nome ma con un procedimento assolutamente diverso per la pasta e per il condimento che è salato,di ricotta o acciughe....ma queste devono essere tanto buone!!! brava a presto Z&C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse ho capito, dovrebbero delle ciambelle o palline di pasta lievita. Si anche io ho notato che i nomi sono sempre gli stessi, ma le preparazioni cambiano, un abbraccio!

      Elimina
  6. MMMMM Ma lo sai che io li ho assaggiati da una calabrese
    e mi sono piaciuti tantissimo....immagino i tuoi...beh saranno ancora più buoni.! Mi sa che se scendo in Calabria ti vengo a trovare.
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non abito più in Calabria da tanto tempo, ma ogni tanto ritorno ed è proprio per questo che ho deciso di raccogliere le ricette tradizionali che sono poco note e soprattutto non sono pesate in grammi! E' un modo per tramandarle, un bacio Melania!

      Elimina
  7. Mi sto innamorando delle tue ricettine tradizionali! Grazie cara.. è bello imparare da te lo sai? :) Un bacione grosso grosso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il più bel complimento che mi potessi fare un bacio amica mia cara!

      Elimina
  8. Buonissime, da me in Puglia si chiamano cartellate! è vero fritte sono ottime! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici, ma perchè le cose più buone sono sempre fritte? Io odio friggere!

      Elimina
  9. Altro che panettone!!! Ciao Eleonora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende un pò dai gusti e da cosa si è abituati a mangiare, a noi piacciono entrambi, ma sono due cose diverse grazie di essere passata, una felice serata Eleonora!

      Elimina
  10. sembrano un po' delle frappe arrotolate!!!
    che buone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è vero, non ci avevo pensato, ma sono sempre quelli i dolci con piccole varianti, cambia la forma ma non la sostanza!

      Elimina