giovedì 26 gennaio 2012

La torta paradiso di zia Nella


Oggi finalmente e a grande richiesta posto la ricetta del nostro dolce preferito, ma chiunque lo abbia mangiato è stato d’accordo con noi nel dire che è veramente buono!

L’ho assaggiato la prima volta tanti anni fa ed è stato amore al primo morso, ed io non sono molto golosa, a dire il vero mi piace di più prepararli che mangiarli i dolci, ma questa torta merita veramente il nome che ha!
Da quando mi hanno dato la ricetta, scritta su un foglietto l’ho preparata decine di volte per poi cadere nel dimenticatoio come avviene quando si hanno tante torte che si vogliono provare e si accantona ciò che ci piace davvero…
Ora la preparo di nuovo e non penso che ricadrò nello stesso errore, il marito da quando l’ha assaggiata me la chiede!
Volevo dedicare questo post alla mia mamma che tra un po’ di giorni compie gli anni e come accade da un po’ di tempo io non sarò lì a prepararle la torta, anche se adesso ho una degna sostituta, tanti auguri mamma!



Ingredienti per una teglia rettangolare

  • 5 uova
  • 250 g di zucchero
  • 250 g di fecola di patate ( meno un cucchiaio)
  • 1 bustina di lievito
  • 1 bicchiere di olio di semi di girasole (120 ml)
  • 1 vanillina o bacca di vaniglia
  • buccia di un limone


PER LA CREMA AL LATTE
  • 100 g di zucchero
  • 2 cucchiai di farina 00
  • 1 cucchiaio di fecola di patate
  • 300 ml di latte fresco intero
  • 200 ml di panna montata
  • 1 cucchiaio di miele
  • Vanillina o bacca di vaniglia




Accendere il forno a 180°
Separare i tuorli dagli albumi, montare gli albumi a neve ferma con un pizzico di sale.
Montare i rossi con lo zucchero fino a che diventeranno gonfi e bianchi



Lasciare lo sbattitore, non serve più e prendere una spatola.
Setacciare la fecola insieme al lievito e la vanillina ed aggiungerla a poco a poco ai tuorli facendo un movimento dal basso verso l’alto



Alternarla con l’olio di semi e gli aromi



E i bianchi montati



Senza avere fretta e sempre con lo stesso movimento



Ed ecco come apparirà il composto



Imburrare ed infarinare una teglia e versarvi il composto.
A 180° per 30’


Ed eccola pronta



Ora preparare la crema, io di solito la preparo prima di fare la torta, perché deve raffreddare molto bene.
In un pentolino unire la farina, la fecola, lo zucchero e unire a poco a poco il latte scaldato.



Cuocere come una normale crema, a fiamma bassa e mescolando spesso, rapprende subito per l’elevata quantità di farina e fecola



Ora aggiungere 1 cucchiaino di miele, nella ricetta originale non c’era, ma trovo che ci stia bene



E mescolare molto bene aggiungendo la vanillina, ecco come appare quando è pronta. Se l’assaggiate adesso non è per niente buona, bisogna dare tempo agli aromi di fondersi, il giorno dopo diventa buonissima, provare per credere.
Metterla in un contenitore e coprirla di pellicola a diretto contatto con la crema stessa, riporla subito in frigo



La maggiore difficoltà di questo dolce consiste nel tagliarla perfettamente in due strati per farcirla, perché essendo priva di farina non ha consistenza, per intenderci si scioglie in bocca.
O la cuocete in due teglie creando due strati perfetti o fate come faccio io avvolgendola nella pellicola e mettendola in freezer 15’



Intanto montare la panna aggiungendola nel modo seguente alla crema:
Io ne metto prima un cucchiaio e la mescolo alla crema fredda ,che avrà la consistenza di un budino duro, col frullatore.





Poi la aggiungo a poco a poco con la spatola dal basso verso l’alto 



Ed eccola pronta



Ora taglio in due la torta, io mi trovo bene col coltello per affettati



E sollevo lo strato superiore aiutandomi con un vassoio piatto



Taglio i bordi e dispongo lo strato di sotto sul vassoio di portata



Metto la crema in una sac à poche con beccuccio liscio e la dispongo sullo strato




Ricompongo il dolce aiutandomi sempre col vassoio, bisogna essere veloci, se si scongela non si maneggia più così facilmente



Ora esercito sul dolce una leggera pressione con la mano per fare arrivare la crema fino al bordo



E con la spatola liscio i bordi



Eccola pronta, non resta che ricoprirla di zucchero a velo, è più buona il giorno dopo.
E la fetta 




VOTO 10 & LODE!

10 commenti:

  1. Cosa dire succulenta!Da provare al più presto :)

    RispondiElimina
  2. si si è un vero sacrificio mangiarla!

    RispondiElimina
  3. Questa la provo sicuramente!!!
    Complimenti e a presto :)
    Ba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono sicura che non te ne pentirai, ma attenzione provoca dipendenza!!!

      Elimina
  4. mi sta venedno fame solo guardando le foto

    RispondiElimina
  5. Questo dolce è eccezionale!nn avevo mai mangiato una torta paradiso casalinga talmente buona da lasciare tutti a bocca aperta :-O ci sono rimasti anche gli ospiti...
    e poi è identicissima, ma identica proprio, all'originale!!!
    papà mi ha raccomandato di nn perderla mai questa ricetta :-)
    Dana tu sei una vera e propria garanzia, da quando ti ho scoperta nn ne sbaglio una!grazie grazie grazie!una carrellata di bacini!!!

    RispondiElimina